logo

13/05/2017 – GIARDINO DELLA VIGNA ANTONIANA – ore 10.30

CHIOSTRI, CONVENTI, GIARDINI SACRI DI MEDITAZIONE E PREGHIERA

GIARDINO DELLA VIGNA ANTONIANA (OGGI DEI FRATI MINORI CONVENTUALI) e CHIOSTRO DI S. SABINA ALL’AVENTINO

Appuntamento SABATO 13 MAGGIO alle ORE 10,30 in V.le Guido Baccelli, 56.

proseguono le nostre avventure nei giardini di meditazione. Stavolta visitiamo un giardino MAI proposto, a mia memoria, da nessuna visita guidata: il giardino della VIGNA ANTONIANA (oggi appartenente ai Frati Minori Conventuali, che gentilmente ci hanno concesso l’ingresso).

La seicentesca Vigna Antoniana, già dei Gesuiti, si estendeva a inglobare le Terme di Caracalla (il viale Guido Baccelli, che attualmente separa i due complessi, è una sistemazione recente).

Nella vigna, che dobbiamo immaginare estesa accanto e dentro i solenni ruderi antichi, si organizzava una mescita di vino all’aperto, alla quale si conveniva da tutta Roma.

Al complesso, che conserva il bel prospetto con logge ad arcate oggi murate, lavorò anche Andrea Pozzo, gesuita pittore e architetto, cui si devono le pitture della cappella privata (NON visitabile).

Il giardino della vigna Antoniana è, come altri giardini già da noi visitati, un’oasi di pace e natura al centro del centro. Pergolato di uve, alberi e cespugli di aranci e mandarini, prato e silenzio: sullo sfondo, al di là di un’altra vigna, la cinta delle imponenti Mura di Roma, nel loro rifacimento a opera di Antonio da Sangallo il Giovane (1536).

Al confine del giardino, nella proprietà limitrofa, potremo ammirare il rudere circolare del tempio di Lucio Fabio Cilone, console e praefectus urbi fra II e III secolo dopo Cristo, su cui si è innestata una piccola costruzione, probabilmente cinquecentesca, all’interno di un’area dove un documento del 1715 riporta poco distante il ritrovamento di un maestoso Ninfeo, decorato da stucchi, conchiglie e marmi colorati.

Dalla Vigna Antoniana ci dirigeremo, a piedi o chi vuole in auto, attraversando S. Saba, verso l’Aventino, dove visiteremo il Chiostro di S. Sabina, altra oasi di silenzio e raccoglimento, già parte del lazzaretto esistente all’Aventino all’inizio del ‘900 e poi risistemato a giardino dal Munoz negli anni ’30, nel solco della rivisitazione classicista del giardino all’italiana fra le due guerre. Prima di visitare il chiostro duecentesco restaurato da Munoz, getteremo un occhio attraverso un oblò nell’altro chiostro, quello privato dei frati, dove potremo ammirare l’albero di arancio piantato secondo la leggenda da S. Domenico, dopo il 1222, quando il Santo ottenne la Basilica da Onorio III.

Appuntamento SABATO 13 MAGGIO alle ORE 10,30 in V.le Guido Baccelli, 56.

Costo della visita: Euro 12 più un’offerta libera di 2-3 Euro a persona per i Padri Minori Conventuali. Per l’apertura al Chiostro di S. Sabina occorre calcolare un minimo di Euro 80, da dividere secondo il numero dei visitatori (es. 15 visitatori Euro 80: 15= Euro 5,30 circa a persona, e cosi’ via). Sopra i 20 visitatori si pagano 4 Euro a persona.

Per partecipare alla visita è necessario PRENOTARE, entro e non oltre venerdi’ 12 Maggio alle ore 14, lasciando il proprio nome e indirizzo mail, e possibilmente un recapito telefonico. IMPORTANTE !! La visita si effettua SOLO su prenotazione. Se dovesse mancare il numero minimo, essa verrà annullata. In questo caso, chi si presenta all’ultimo momento senza aver prenotato rischia di fare un viaggio a vuoto.

 

Oggetto: [13/05/2017 - GIARDINO DELLA VIGNA ANTONIANA]

titolo (richiesto)

nome (richiesto)

cognome (richiesto)

ordine di appartenenza (richiesto)

numero di iscrizione (richiesto)

codice fiscale (richiesto)

recapito telefonico (richiesto)

email (richiesto)

consento al trattamento dei dati personali

Corpo del messaggio:

Oggetto
[13/05/2017 - GIARDINO DELLA VIGNA ANTONIANA]

Il tuo messaggio
[invio i dati richiesti per l'iscrizione alla manifestazione in oggetto,
consento al trattamento dei dati personali]

  • Share