Seminario itinerante sulla città di Sermoneta – Latina

Un progetto urbano per Sermoneta: città simbolo e piazza d’armi del feudo Caetani
17 maggio 2015, ore 10.00

PROGRAMMA ( richiesti 4 cfp)

10:00 Introduzione e coordinamento a cura di Emma Tagliacollo

Presentazione del progetto delle Passeggiate fuori porta.
Introduzione al metodo di lettura dei centri storici.
Introduzione alla valorizzazione partecipata.

10:30 lettura urbana della città di Sermoneta a cura di Anna Di Falco e Libera Marta Pennacchi

Sermoneta e i Caetani: introduzione storica.
I luoghi della città.
Le mura cittadine come museo.
La fruizione del bene culturale.
Lettura urbana di Sermoneta.
La famiglia Caetani.

13:45 Domande e risposte

14:00 Saluti e ringraziamenti

RELATORI

– Emma Tagliacollo (architetto e ricercatrice)
– Marta Libera Pennacchi (storica dell’arte)
– Anna Di Falco (architetto e responsabile del restauro e della valorizzazione delle mura urbane)

 

Informazioni e prenotazioni
e-mail: passeggiatefuoriporta@gmail.com
tel. 340 2257725
www.icvbc.cnr.it
www.inarchlazio.it

programma Passeggiate fuori porta_2015_low

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]

Waterfront d’Italia. Il rapporto città porto

L’incontro è stato annullato a data da destinarsi

 

 

 

 

 

 

 

 

Waterfront d’Italia. Il rapporto città porto

Lunedì 6 luglio 2015 – ACER, via di Villa Patrizi 11, Roma

6luglio2015

 

1) PREMESSA ED OBBIETTIVI FORMATIVI
Il seminario si propone di analizzare il tema della riqualificazione dei waterfront portuali in Italia attraverso alcuni progetti significativi di realtà diverse: da grandi porti come Napoli e Taranto a porti minori come Chioggia. Il seminario metterà in evidenza la specificità dei waterfront italiani e il difficile processo di realizzazione dei programmi.

I progetti dei waterfront di Napoli e Taranto saranno presentati da Rosario Pavia e Guendalina Salimei. Orazio Carpenzano presenterà gli indirizzi progettuali per la redazione del Piano Portuale di Chioggia.

Il seminario sarà l’occasione per dare una informativa sull’aggiornamento delle Linee Guida per la redazione dei piani regolatori portuali.
2) PROGRAMMA (2 cfp)
19:00 Introduzione e coordinamento a cura di Rosario Pavia

19:15 Orazio Carpenzano Waterfront di Chioggia;

19:45 Guendalina Salimei, Rosario Pavia Waterfront di Napoli

20:15 Guendalina Salimei, Rosario Pavia Waterfront di Taranto

20:45 Domande e risposte

21:00 Saluti e ringraziamenti

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]

IL PALAZZO DEL QUIRINALE

IL PALAZZO DEL QUIRINALE
4 luglio 2015 (data da confermare) – Palazzo del Quirinale, p.zza del Quirinale, Roma – costo € 15,00
1) PREMESSA ED OBBIETTIVI FORMATIVI

Costruito a partire dal 1583, è uno dei più importanti palazzi della capitale sia dal punto di vista artistico sia dal punto di vista politico: alla sua costruzione e decorazione lavorarono insigni architetti come Ottaviano Mascarino, Gian Lorenzo Bernini, Ferdinando Fuga, Domenico
Fontana nonché illustri maestri dell’arte italiana tra cui Pietro da Cortona, Alessandro Specchi, Carlo Maderno, Giovanni Paolo Pannini e Guido Reni. Attualmente, ospita anche un ampio frammento d’affresco di Melozzo da Forlì.
Il Palazzo si impose, soprattutto a partire dal pontificato di Paolo V Borghese, quale residenza stabile dei papi. Nonostante questo il palazzo si sviluppò quasi senza simboli religiosi visibili e soprattutto privo di una chiesa aperta al pubblico (unico tra i palazzi apostolici con questa particolarità).

Interessato da un progetto che lo voleva residenza napoleonica nel tempo dell’occupazione francese della città del papa, ma Napoleone non vi fece mai ingresso, dopo il 1870 divenne palazzo reale dei Savoia. Con la proclamazione della Repubblica, avvenuta dopo il referendum istituzionale del 2 giugno 1946, l’edificio divenne definitivamente la sede del capo dello Stato repubblicano.
Il palazzo del Quirinale si estende su una superficie di 110.500 m² ed è il 6º palazzo più grande del mondo in termini di superficie, nonché la più estesa residenza di un capo di Stato al mondo.
Per fare un confronto, l’intero complesso della Casa Bianca negli Stati Uniti è 20 volte più piccolo.
2) PROGRAMMA (3 cfp)

10:30 Introduzione e coordinamento a cura di Valentina Piscitelli e Roberto Veneziani

10:45 Il quirinale dal ‘500 al palinsesto barocco (Marina Natoli)

11:30 Il quirinale quale esempio di raffinato classicismo romano (Marina Natoli)

12:15 Il quirinale e il mondo artistico a Roma nel periodo napoleonico (Marina Natoli)

12:45 Il quirinale come esempio unico e laboratorio sperimentale della cultura dell’epoca (Marina Natoli)

13:15 Domande e risposte

13:30 Saluti e ringraziamenti

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]

L’economia di Roma Opere Pubbliche

L’ECONOMIA DI ROMA: OPERE PUBBLICHE

Secondo convegno

ore 15,00 – lunedì 8 giugno 2015 | ACER – via di Villa Patrizi 11, Roma

Questo convegno vuole dare seguito e sviluppare, come richiesto da molti partecipanti, gli argomenti de “i lunedì dell’architettura” del 2 febbraio us.

L’economia di Roma può ripartire solo con massicci investimenti nelle opere pubbliche, che vanno attivati anche allentando il patto di stabilità; ma sarebbe inutile senza modalità corrette di affidamento e gestione dei lavori. Oggi gli appalti presentano non solo criticità funzionali ma
anche etiche (v. i più i recenti episodi corruttivi negli affidamenti e nell’attuazione dei lavori: Mose, Expo, G8, ricostruzione L’Aquila).
Si impone una revisione del sistema normativo ed anche di intervenire sulla formazione dei quadri della PA e dei progettisti.

 

introduce Luca Zevi Presidente IN/ARCH Lazio

intervengono
Ruggero Binetti Collegio Probiviri Ance; Paolo Buzzetti Presidente Ance; Emiliano Cerasi Vicepresidente Acer per le Opere Pubbliche; Anna Maria Giovenale Preside Facoltà di Architettura Sapienza Università di Roma; Roberto Linetti Provveditore alle OOPP Lazio, Abruzzo e Sardegna – Ministero Infrastrutture; Pierluigi Piselli Avvocato; Maurizio Pucci Assessore Lavori Pubblici, infrastrutture, manutenzione urbana Comune di Roma; Ermete Realacci Presidente Commissione Lavori Pubblici Camera dei Deputati; Livio Sacchi Presidente Ordine Architetti PPC di Roma

coordina Marco Vivio Consiglio Direttivo IN/ARCH Lazio

a seguire: interventi interventi liberi e dibattito

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]

IL QUARTIERE IACP AL TRIONFALE

PASSEGGIATE ROMANE DELL’IN/ARCH Lazio

La città “pubblica”: Roma, la ricerca architettonica e urbana al quartiere Trionfale

A cura di Maria Teresa Cutrì e Antonella Bonavita

domenica 21 giugno 2015 ore 10,30

via Andrea Doria, 79 Roma

 

 

Prosegue domenica 21 giugno alle ore 10,30 il programma delle “Passeggiate Romane” con la visita al quartiere Trionfale guidata da Maria Teresa Cutrì, architetto e dottore di ricerca, membro del Consiglio direttivo del Centro studi sul moderno CSSM e Antonella Bonavita, architetto e dottore di ricerca, direttore del Centro studi sul moderno CSSM. Il progetto delle passeggiate romane dell’Istituto Nazionale di architettura ideato da Marina Natoli, Valentina Piscitelli e Roberto Veneziani è giunto alla sesta edizione.

I temi trattati nel corso della visita sono prevalentemente storico/progettuali e rivestono un carattere aperto alla ricerca architettonica e urbana contemporanea, rispetto alla definizione della  città “pubblica”, come suggerito dalle stesse caratteristiche insediative, dalla sua forma e infrastrutturazione, storica/moderna e attuale (sono almeno tre le fasi di trasformazione riconoscibili). La residenza, l’edificio residenziale popolare, si distingue per effetto della ricerca degli architetti che vi hanno lavorato (nel corso del primo Novecento) essere il nucleo di una serie di attività mixate tra loro  -  e non già all’epoca semplici funzioni distinte e separate -  e per il rapporto che si instaura con lo spazio pubblico: spazio sociale all’aperto tradotto nella morfologia permeabile delle corti, attorno alle quali si compongono giardini e costruito. Alla rottura del modello urbano per isolati fa da contraltare la ricerca sull’oggetto architettonico. In particolare  negli edifici di Sabbatini che aprono ad un linguaggio denso fatto di tagli, disassamenti e variazione improvvise dei rapporti armonici e del disegno delle parti con un’attenzione maniacale al dettaglio. 

A fronte di una introduzione che racconterà la formazione del tessuto storico del quartiere e le emergenze architettoniche (Trionfale II, Trionfale III, Casa dei Bambini, realizzati da Innocenzo Sabbatini per l’Istituto Case Popolari; il Complesso delle case per gli impiegati a cura dell’Istituto Romano Beni Stabili realizzati  da Talamo e Stendardo;  l’edificio per abitazioni e negozi di Mario De Renzi e Ciarrocchi per l’Istituto Autonomo per le famiglie del Governatorato; il Mercato dei Fiori; l’autorimessa della polizia di Gaetano Vinaccia e altri …) alcune note sugli  architetti in particolare di Innocenzo Sabbatini esponente di quella scuola marchigiana che costruirà la modernità di Roma attraverso intere parti di città costruita. E quindi Mario De Renzi altra figura importante del moderno romano.

La formazione del quartiere Trionfale, nel primo ventennio del Novecento, ha una storia complessa per la progettazione e realizzazione di una vasta parte della città che, dai villini in prossimità del Tevere si proietta all’interno, attraversando la scacchiera urbana di Prati, verso la Valle dell’Inferno in un area compresa tra le pendici di Monte Mario e del colle Vaticano le cui mura ne definiranno il bordo.

L’obiettivo una nuova zona operaia/industriale in prossimità e in relazione al Borghetto delle Fornaci.

Gli episodi del Trionfale II e III con l’edificio di De Renzi costituiscono il nucleo di mediazione tra la città “chiusa” di Prati e il Borghetto industriale e, tra questi e il Borghetto le case basse, operaie,  arroccate in parte sulla salita del colle vaticano (attuale via Angelo Emo). 

Programma

10:30 Introduzione e coordinamento a cura di Valentina Piscitelli

10:45  Costruire la città pubblica: storia e attualità della ricerca al Trionfale, Maria Teresa Cutrì

12: 00 Innocenzo Sabbatini  e  Mario De Renzi, Antonella Bonavita

13:15 Domande e risposte

13:30 Saluti e ringraziamenti

 

Richiesti n. 3 crediti formativi validi per la professione di architetto

Costo di partecipazione: € 15,00

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]

ESQUILINO – IL RIONE INCOMPIUTO

ESQUILINO – IL RIONE INCOMPIUTO

Microsoft Word - DEPLIANT 1

appuntamento domenica 24 maggio alle 10:30 nei pressi della stazione Termini e più precisamente in via Giolitti angolo via Cavour

 

24 maggio 2015 – [in loco] – costo € 15,00

1) PREMESSA ED OBBIETTIVI FORMATIVI
La passeggiata nel quartiere Esquilino intende ripercorrere la storia del quartiere “piemontese”  realizzato a Roma, negli ultimi 30 anni dell’ottocento, dopo la presa di Porta Pia, per soddisfare la colossale crescita demografica della città, divenuta capitale del Regno d’Italia. Nato come insediamento urbano destinato alla piccola borghesia impiegatizia, il quartiere ha subito negli ultimi anni un grande cambiamento nella popolazione residente e nelle attività commerciali, facendolo diventare un polo multietnico, specialmente di matrice orientale, della città. Portato come esempio positivo di vivacità sociale e culturale, ma spesso descritto nei termini di disagio, degrado e immigrazione “invasiva”, l’Esquilino è diventato, nel bene e nel male, la vetrina della coabitazione fra le culture a Roma. Durante l’evento i relatori cercheranno di illustrare da diverse prospettive le trasformazioni vissute dal rione, attraverso le lenti delle rappresentazioni degli abitanti, delle politiche di riqualificazione condotte dalle amministrazioni che si sono succedute negli anni, delle trasformazioni urbane conosciute dal quartiere. Sarà occasione per riflettere sul ruolo delle diverse discipline che si occupano di città nel governo dei territori urbani.

6_koch piazza vittorio
2) PROGRAMMA (3 cfp richiesti) SONO STATI RICHIESTI E VALIDI PER LA PROFESSIONE DI ARCHITETTO

10:30 Introduzione e coordinamento a cura di Valentina Piscitelli

10:45 Il rione incompiuto: l’Esquilino tra memoria e trasformazioni (Federico Scarpelli)

11:30 La riqualificazione del rione incompoiuto (Angelo Romano)

12:15 La riqualificazione e le trasformazioni urbane vissute dal rione (Roberto Veneziani)

13:15 Domande e risposte

13:30 Saluti e ringraziamenti

3) RELATORI

– Valentina Piscitelli (architetto e membro del consiglio direttivo INARCH Lazio)

– Federico Scarpelli (Dottore in Scienze Etnoantropologiche/membro di Anthropolis)

– Angelo Romano (Dottore in Etnologia ed Etnoantropologia/membro di Anthropolis)

– Roberto Veneziani (Architetto)

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]

Le nuove Chiese a sud di Roma

ANNULLATA

 

LE NUOVE CHIESE A SUD DI ROMA

6 giugno 2015 – [in loco] – costo € 15,00

1) PREMESSA ED OBBIETTIVI FORMATIVI
Il presente evento consiste in un seminario itinerante sui complessi parrocchiali della periferia romana di recente realizzazione sorti in esito ad un concorso ad inviti bandito dall’ufficio dell’Opera Romana per la preservazione della fede e la provvista di nuove chiese del Vicariato di Roma. Tali edifici rappresentano un’interessante sperimentazione nel panorama architettonico della città in quanto, seppur costruiti in aree e contesti diversi, hanno dovuto rigorosamente rispettare inamovibili regole e normative di carattere distributivo-funzionali ed economiche. Il principale interesse pertanto risiede, a parità di vincoli, nelle soluzioni finali che il singolo architetto ha ritenuto di adottare nell’interpretazione e nella concezione per la costruzione di uno spazio sacro, tema oltremodo dibattuto che in questi casi è stato inteso come un’alternanza di espressioni in continuità e/o discontinuità con le tipologie tradizionali. Il programma prevede un itinerario di sopralluoghi illustarati e commentati dal prof. Marco Petreschi nei luoghi dei complessi parrocchiali con le seguenti modalità:

 

PASSEGGIATE ROMANE DELL’INARCH

LE NUOVE CHIESE A SUD DI ROMA

A cura del Prof. Arch. Marco Petreschi

Sabato 6 giugno 2015 ore 16,00

Parrocchia San Pio da Pietralcina
Via Paolo Stoppa, 10, Roma

 

 

Prosegue sabato 6 giugno alle ore 16,00 il programma delle “Passeggiate Romane” con la visita alle nuove chiese di Roma guidata dal Prof. Arch. Marco Petreschi. Il progetto delle passeggiate romane dell’Istituto Nazionale di architettura ideato da Marina Natoli, Valentina Piscitelli e Roberto Veneziani è giunto alla sesta edizione. La seconda passeggiata di questo ciclo prevede un seminario itinerante sui complessi parrocchiali della periferia romana di recente realizzazione sorti come esito di un concorso ad inviti bandito dall’ufficio dell’Opera Romana per la preservazione della Fede e la provvista di nuove chiese del Vicariato di Roma.

Tali edifici rappresentano un’interessante sperimentazione nel panorama architettonico della città in quanto, seppur costruiti in aree e contesti diversi, hanno dovuto rigorosamente rispettare inamovibili regole e normative di carattere distributivo-funzionali ed economiche. Il principale interesse pertanto risiede, a parità di vincoli, nelle soluzioni finali che il singolo architetto ha ritenuto di adottare nell’interpretazione e nella concezione per la costruzione di uno spazio sacro, tema oltremodo dibattuto che in questi casi è stato inteso come un’alternanza di espressioni in continuità e/o discontinuità con le tipologie tradizionali. Il programma prevede un itinerario di sopralluoghi illustrati e commentati dal prof. Marco Petreschi, autore del Complesso di San Tommaso Apostolo – protettore degli architetti – nei luoghi dei complessi parrocchiali con modalità che prevedono l’uso di auto propria per gli spostamenti.

 

PROGRAMMA

16:00 Introduzione e coordinamento a cura di Valentina Piscitelli

16:15 San Pio da Pietrelcina – prog. Arch. Alessandro Anselmi (Marco Petreschi)

17:00 spostamento in auto

17:20 San Corbiniano – prog. Arch. Umberto Riva (Marco Petreschi)

18:05 spostamento in auto

18:25 San Tommaso Apostolo – prog. Arch. Marco Petreschi (Marco Petreschi)

19:10 spostamento in auto

19:30 Parrocchia San Carlo Borromeo – prog. Arch. Antonio Monestiroli (Marco Petreschi)

20:15 Domande e risposte

20:30 Saluti e ringraziamenti

 

Marco Petreschi

Architetto e professore ordinario di Composizione Architettonica. Nel 2001 ha fondato il Corso di Laurea in Architettura degli Interni ed Arredamento presso l’Università di Roma“ La Sapienza ” e lo ha diretto fino al 2006. Visiting professor e guest lecturer presso università americane ed europee. La sua attività di ricerca teorica ed applicata si esplica attraverso pubblicazioni di saggi e letture critiche, la partecipazione a concorsi nazionali ed internazionali di architettura, nonché la progettazione e la realizzazione di opere pubbliche. I suoi lavori sono pubblicati su libri e riviste.

www.marcopetreschi.com

 

Richiesti 4 crediti formativi validi per la professione di architetto

Costo di partecipazione: € 15,00

 

 

[contact-form-7 404 "Not Found"]